venerdì 18 giugno 2021

BLOG TOUR: 5 MESTIERI TRA I PIU' DIFFUSI IN EPOCA REGENCY - "Un cucchiaio intagliato" di Jayne Davis

Titolo: Un cucchiaio intagliato
Autrice: Jayne Davis
Casa Editrice: Vintage Editore
Collana: Regency
Genere: Romance/Regency
Pagine: 405
Prezzo: 16,00 € cartaceo
Uscita: maggio 2021

Trama:
«È una tradizione gallese» spiegò Genie. «Un giovanotto regala alla ragazza che ama un cucchiaio come questo, intagliato con le sue stesse mani, questo vuol dire  che egli è in grado di provvedere alla propria famiglia con il  lavoro  delle  proprie  mani.»

Galles, 1817. dopo aver rifiutato ogni proposta di matrimonio che le è stata fatta, Isolde Farrington,  Izzy per tutti, viene spedita in Galles dalla zia come   punizione, volendo il padre darle un assaggio della vita    da zitella, con una misera rendita e nessun membro della servitù ad aiutarla. Quando Izzy arriva, scopre, con sua grande sorpresa, che sua zia Genie è sposata con un uomo di mestiere, chiaramente non approvato dalla famiglia di lei, ma che nonostante la situazione economica persino più limitata di  quella  di  Izzy,  vive  una  vita  dignitosa e, soprattutto, soddisfacente e felice, prendendo  parte  al lavoro del marito. Rhys Williams,  si  trova  in  Galles per affari e durante il suo primo incontro con  Izzy, questa lo scambia per un servitore. Il nuovo ambiente di Izzy le fa guardare la vita con occhi  nuovi  e  non  ci vorrà molto prima che guardi con un nuovo sguardo anche Rhys.  Quando  suo  padre,  però,  scopre  che  la  situazione in Galles è ben diversa da quella che pensava e che Rhys  è nel commercio, si apre un abisso per una coppia che ha imparato ad amarsi  oltre  ogni  diseguaglianza.  Riuscirà la differenza di classe a tenerli separati?
 
BLOG TOUR: 5 MESTIERI TRA I PIU' DIFFUSI IN EPOCA REGENCY

Il romanzo di Jayne Davis, “Un cucchiaio intagliato” ci permette, grazie allo sviluppo della trama e alle caratteristiche di alcuni suoi personaggi, di parlare del lavoro in epoca Regency.
 
La servitù, fatta di cameriere, cuoche, stallieri, presenti in quasi tutte le case nobili, era un’occupazione svolta esclusivamente dai ceti sociali più bassi, spesso non retribuita, se non con vitto e alloggio.
 
Si può iniziare a parlare di lavoro, quando a occuparsene è la classe sociale che sta tra la nobiltà e la servitù, composta prevalentemente da uomini benestanti, ma privi di titolo, che svolgono lavori redditizi.
 
Riallacciandoci al romanzo, tra i 5 più diffusi troviamo sicuramente i seguenti.
 
•    Gli avvocati, come Mr. Lloyd, il marito di zia Eugenia. Questo mestiere, pur permettendo loro di mantenere una dimora confortevole, della servitù a occuparsi della casa e delle loro persone, non era sufficiente a far si che i nobili volessero “mischiarsi” con loro. Potevano chiedere i servigi di un avvocato, ma non avrebbero mai lascito che sposasse una delle loro figlie.
 
•    Stessa cosa per i commercianti: in questa categoria rientrano diverse figure, visto che le classi sociali più ricche facevano in qualche modo girare l’economia acquistando stoffe pregiate, calzature, monili, chi commerciava in questi settori era necessario, ma veniva ritenuto comunque inferiore. Nella categoria rientrano anche coloro che commerciano le materie prime, come la lana, oppure il bestiame. Queste due materie ci permettono di introdurre i prossimi due lavori.
 
•    Gli allevatori, coloro che avevano la possibilità di accudire e ampliare il capitale formato dal bestiame, spesso pecore, in grado di fornire lana da vendere alle aziende di filatura e tessitura, come quella di Rhys Williams. Chi allevava bestiame era comunque sempre vincolato al terreno che il più delle volte non apparteneva a loro.
 
•    I filatori e proprietari delle aziende tessili, erano uomini come Rhys, ricchi a sufficienza da competere con i nobili, ma non abbastanza da sposare le loro figlie. Potevano disporre di denaro ricavato da eredità o dalla carriera militare, ma anziché oziare e godere delle rendite, capiscono che investire nelle attività potrà dare loro dei frutti.
 
•    Un altro lavoro molto comune all’epoca era il locandiere: considerato di basso livello, era necessario a tutti coloro che viaggiavano. A gestire la locanda spesso erano marito e moglie, erano locali dove riposarsi e dove far riposare i cavalli, dove poter dormire e fare un bagno caldo. Insomma l’antenato dei nostri più recenti alberghi.
 
A questa breve lista non possiamo tralasciare i medici, uno dei mestieri sicuramente diffuso all’epoca, ma come ovvio esclusivamente maschile, come del resto quelli citati sopra.
 
E le donne? 
 
La donna non lavora, non quella di origini nobili. Le altre di solito accudiscono alla casa, se sono sposate. Se non lo sono, ma sono comunque rispettabili, possono finire a servizio come istitutrici, nella migliore delle ipotesi.
Alcune come la nostra Izzy, se sono fortunate, possono lavorare a fianco del loro consorte, nell’azienda di famiglia. 
 
Direi che abbiamo approfondito parecchio, ci sarebbe molto da dire, tanto che anche l’autrice ha messo un focus proprio sul lavoro all’interno del romanzo. Ma di questo ve ne parlo la prossima settimana nella recensione.
Buona lettura.

La Vintage Editore offre al suo pubblico italiano una nuova delicata opera della penna di Jayne Davis dove l’amore d’altri tempi torna ad essere il protagonista assoluto.
 
Biografia:
Sono nata in Inghilterra, al confine con il Galles e ho vissuto in diversi luoghi, incluso un breve periodo a Singapore e Malta.
A Malta mi appassionai di romanzi storici: i miei genitori affittarono una casa ammobiliata e i proprietari avevano lasciato lì la maggior parte dei loro libri, inclusa la collezione completa dei romanzi di Georgette Heyer.
Amando Jane Austen e Georgette Heyer, desideravo scrivere romanzi simili ai loro.
Ho giocato con quest'idea più volte nel corso degli anni, ma la vita reale si è messa di mezzo e ho intrapreso una carriera differente, scrivendo anche dei saggi sotto altro nome.
Non era proprio la carriera di scrittrice che avevo in mente...
Ma alla fine eccomi finalmente qui a scrivere le mie storie, pubblicate per il pubblico italiano dalla Vintage Editore. Spero che vi emozionino.
Sito: www.jaynedavisromance.co.uk

giovedì 17 giugno 2021

REVIEW PARTY: "La seduzione del proibito" di Ester Ashton

 

TITOLO: La seduzione del proibito 
(non autoconclusivo ed è una duologia) 
AUTORE: Ester Ashton 
USCITA: 31 Gennaio 2020
EBOOK: 2,99 
CARTACEO: non definito
GENERE: Romance suspance

TRAMA: 

Jay Hunt ex pilota aveva tutto: fama, ricchezza, un matrimonio felice e una moglie che amava. Ma quella vita perfetta si rivela essere un fragile castello di carte e ben presto si rende conto che tutto ciò che ha sempre creduto unirli, in realtà era solo un’illusione.  Ava Jenkins lavora come stagista al Denver post, ha una vita felice e dei genitori che adora, ma un incidente distrugge quella felicità e la catapulta in qualcosa di pericoloso.  L’incontro con Jay non sarà idilliaco, ma l’attrazione che sentono è forte. Riusciranno a resisterle o soccomberanno facendosi sedurre dal proibito?    Un segreto non rivelato, il passato che bussa alla porta e una minaccia incombente, turberanno le loro vite, tutto questo li unirà o li farà dividere per sempre?  


RECENSIONE:
Buon pomeriggio lettrici!!! Oggi partecipiamo al review party organizzato per la promozione del romanzo di Ester Ashton “La seduzione del proibito”, in attesa dell’uscita del secondo volume.
 
La lettura è affidata a Gabriela che ci racconta cosa ne pensa. 
 
È la prima volta che rimango sconvolta dal finale di una storia. Credo che qui l’autrice sia stata davvero bravissima, avvolgendo così la trama nel mistero. 
 
Un finale al quanto doloroso, sia per il protagonista maschile Jay, sia per il lettore, che in questo caso sarei io. 
 
Bene… specificato questo punto, andiamo avanti. 
 
La storia è molto intensa, la profondità dei sentimenti viene spesso evidenziata con delle frasi. La bellezza delle parole usate, le fanno sembrare “poesie”. 
 
Non mi è mai capitata, per nessuna storia così hot ma nello stesso tempo piena di azione, la comparazione con una poesia. La poesia è musica per la nostra anima, ed è così che ho percepito la lettura di questa storia. 
 
«Era come lava rovente che sembrò scorrermi violenta e inarrestabile nelle vene.»
 
Questa è solo una delle frasi che mi ha colpito, una similitudine realistica che trasmette potenza; il romanzo è creato per il piacere di essere letto, per coinvolgere il lettore, e queste espressioni riscaldano la mente ma anche il cuore. 
 
La storia è narrata in prima persona, a Pov alternati, che danno la possibilità di conoscere meglio sia la protagonista femminile, Ava, che quello maschile, Jay. 
 
La storia ripercorre le vicende alterne tra i nostri protagonisti, questa attrazione fatale, fino a giungere entrambi ad un sentimento che nessuno dei voleva provare.
Jay possiede il potere, la forza, le qualità necessarie ad attrarre a sé Ava: è il “seduttore”. Invece Ava subisce questa attrazione, ne è in qualche modo soggiogata, lei è la “sedotta”. 
 
I colpi di scena che si susseguono nella storia fanno in modo da non farci lasciare il Kindle neanche un secondo. 
 
La narrazione perfetta e lineare porta ad una lettura facile, scorrevole e che dovrei definire “piacevole”… invece è una lettura che sconvolge per tutto il percorso, e come ho scritto sopra, un finale che mi ha fatto venire la pelle d’oca. 
 
Aspetto con trepidazione il seguito ringraziando l’autrice per l’ebook fornito, sperando davvero che il dubbio lasciato in sospeso sia veramente solo quello. 
Non diro nulla più, ma spero di avervi fatto capire che questo romanzo ha dentro di sé tutto: seduzione, scene hot, tradimento, doloro ma più importante ha l’amore. 
 
Concludo con questa citazione che completa la poesia di questa storia.
«Era passione, ma anche tormento di una tentazione impossibile e mai nulla era stato così allettante e cedetti…
Mi lasciai avvolgere dalla seduzione del proibito.»
Romanzo promosso, 5/5 stelle.
                                                                     

mercoledì 16 giugno 2021

COVER REVEAL: "The big skate - Serie A love an ice vol. 2" di Fabiana Andreozzi & Vanessa Vescera


Titolo: The big skate
Serie: A love an ice
Autore: Fabiana Andreozzi e Vanessa Vescera
Editore: self publishing
Data d’uscita: 1° luglio
Genere: New adult, sport romance
Pagine: 400 circa
Costo: 0,99€ in preorder – 1,99€ il giorno d’uscita – 2,99€ - disponibile in KU – cartaceo 16 euro

Trama:
Audrey e Tyler si odiano, dei due bambini che giocavano insieme non è rimasto nulla se non un mucchio di cenere.
Eppure, sotto fuochi spenti ci sono ancora braci pericolose e quando Audrey cade, compiendo un triplo axel, la situazione precipita.
Il senso di colpa di Tyler lo costringe a farsi carico della ragazza che non gli renderà il compito facile.
Tra litigi, prese di posizioni, gelosie e rivendicazioni saranno costretti a dissotterrare tutto il sentimento che hanno nascosto sotto cumuli di lastre ghiacciate. Per reggere il peso dei pregiudizi e delle differenze sociali avranno bisogno di tanto coraggio.
E se all’ultimo secondo un (the) big skate spiazzasse tutti?
E Audrey sarà ancora in grado di compiere un nuovo triplo axel?

La storia di un amore maledetto dalla società ma voluto dal destino.

In occasione dell’uscita il prequel della serie, Shooutout, sarà disponibile a 0,99€.
 

RECENSIONE FUORI EVENTO: "Call me Devil" di Sofia Ribes


Titolo: Call me Devil
Autrice: Sofia Ribes
Casa Editrice: Blueberry Edizioni
Genere: New Adult (Romance)
Pagine: 300 circa
Prezzo: prevendita a 0,99 poi 2,99 euro
Uscita: 30 maggio 2021

Trama:
Sono Luis Harriston, cantante e chitarrista dei Twin Sea.
Dissoluto, spregiudicato e con un elenco di desideri diversamente ortodossi – o più propriamente illegali – per i quali non sarà sufficiente una vita intera a realizzarli. Tra questi, ve n’è uno che è la mia ossessione, il mio incubo personale.
La mocciosa sta per tornare… Let’s play.

Sono Joe Sariani, la mocciosa che ha un conto in sospeso con il Diavolo.
Sto per rimettere piede in California, negli Empire Polo Fields, il suo regno.
So cosa vuole.
So cosa aspetta di prendersi…
Il Male è infimo e seducente. Sensuale e ammaliante. E se ha il volto del tuo primo amore, la partita può finire in un solo modo possibile: con la sua vittoria a tavolino.

Una promessa suggellata dieci anni prima.
Due continenti, l’oceano e il destino a dividerli.  
Questa è la loro ultima occasione.
Saranno pronti a perdonarsi?
E, soprattutto, il Diavolo saprà scegliere l’amore?
 
RECENSIONE:
Buon pomeriggio lettrici!!! La recensione di oggi è dedicata ad un romanzo della Blueberry Edizioni, “Call me devil” dell’autrice Sofia Ribes. Ringrazio la casa editrice per la copia ebook fornita.

Adoro i music romance e la cover di questo romanzo assieme alla trama hanno acceso la mia curiosità, così nonostante la mole infinita di letture, ho deciso di ritagliare uno spazio anche per questo libro.

Devo ammettere che ieri sera a fine lettura ho sentito il bisogno di condividere a caldo le mie impressioni, anche se la recensione esce oggi, e alla fine ne è nato un piacevole scambio di battute con la sua scrittrice.

La storia di Luis e Joe, sulla carta appare quasi scontata, amici/nemici, amore travestito da odio… tutto farebbe pensare ad un romance come ce ne sono tanti. 

Lo so sembro cinica, ma più libri si leggono, più di diventa selettivi e quando nel mezzo arriva quello che ti fa emozionare allora non solo va premiato, ma anche fatto emergere dalla massa. 

Non mi odiate, ma è così che funziono, sul piatto, quando si arriva a valutare un romanzo, ci vanno anche le emozioni, quelle che l’autrice cerca di trasmetterci con le sue parole, con i suoi personaggi. E se non mi emoziono è come se non avessi letto affatto.
“Leggere è un cibo per la mente e tutto ciò che ha che fare con il cibo deve per forza essere buono”. (Snoopy)

“Capisci di aver letto un buon libro quando giri l’ultima pagina e ti senti come se avessi perso un amico”. (Paul Sweeney)

“I libri migliori sono quelli di cui si non si vuole girare le pagine per paura che finiscano”. (Fabrizio Caramagna)

Tre citazioni, regalo di tre scrittori famosi, che sintetizzano alla perfezione quello che cerco in un libro, quando leggo e mi lascio coinvolgere. Ed è quello che alla fine ho trovato tra queste pagine.

Sofia, con i suoi personaggi è riuscita a farmi emozionare.

Luis con la sua personalità complessa, scostante, è il giorno e la notte, luce e buio, rinchiusi in un unico giovane uomo che ama e odia con la stessa intensità. E alla fine lo si ama per quello che è, per come cambia…

Joe non è da meno: ama, si fa usare… è disposta ad avere poco, piuttosto che nulla, anche l’odio è un sentimento, altrimenti sarebbe indifferenza. Sa che il suo cuore può tollerare il comportamento di Luis per pochi giorni all’anno, altrimenti andrebbe in frantumi. “Lontano dagli occhi, lontano dal cuore” si adatta perfettamente a Joe.

I due ragazzi non sono indifferenti l’uno all’altro: li lega qualcosa di profondo, nato quando erano solo dei bambini, ma che apparentemente non ha resistito al tempo e alla lontananza. Solo apparentemente, perché quando sono vicini prendono fuoco come benzina, nel bene o nel male.

Le loro famiglie sono amiche, i loro genitori facevano parte della stessa rock band, quindi sono cresciuti tutti assieme, Luis e Leon, il suo gemello; Joe e Kour, Sofia e Camilla. 

Adesso c’è un oceano a dividerli, da ben 7 anni e un odio profondo che emerge ogni anno quando le ragazze e le loro famiglie raggiungono la tenuta dei genitori dei gemelli per il Coachella Festival.

Se quest’anno segnasse una svolta nel loro rapporto? Se tornassero ad essere quello che erano sette anni prima?
Ma se non fosse abbastanza? Sapranno accantonare i propri sogni per amore?
O Satan, come Joe chiama, a mo’ d’insulto Luis, non è disposto a cedere?

L’orgoglio, tanto caro a Jane Austen a volte è il peggior nemico di sé stessi…

Io mi fermo qui, non vi resta che ritagliarvi un po’ del vostro tempo e fare spazio a Luis e Joe, e perché no, in futuro anche al resto della combriccola. Chi lo sa?

Il romanzo è narrato a punti di vista alterni, in prima persona: così c’è tanto spazio per i sentimenti, di qualunque forma essi siano. C’è spazio per ridere, specialmente leggendo le conversazioni tra Joe e le sue tre matte amiche. 

C’è spazio per qualche lacrimuccia, quando le emozioni si fanno più prepotenti. 

A questo punto cos’altro dirvi? Date un’occasione a questo romanzo, alla sua brava autrice, che con una storia semplice e due personaggi intriganti ha saputo conquistarmi. Grazie.
Romanzo pienamente promosso. 5/5 stelle.

                                                                              

SEGNALAZIONE USCITA: "Dark Hear"t (Trilogia completa) di Valeria De Luca

 
Titolo: Dark Heart (Trilogia completa)
Autore: Valeria De Luca
Uscita: 16 Giugno 2021
Genere: Paranormal Romance/Dark Fantasy/ Young Adult
Editore: Self Publishing
Formato: Ebook €4,50 - Cartaceo € 20,07
Disponibile con Kindle Unlimited

Contiene i seguenti titoli:
•    Vampire Heart
•    Bewitched Heart
•    Damned Heart
 
"Avevo come l'impressione di essere osservata da mille occhi.
Ero sicura che qualcuno voleva il mio sangue.
Voleva affondare le sue zanne nella mia tenera carne."


Ero una ragazza come tante altre. Pensavo alla scuola, a divertirmi con la mia migliore amica Luna e passavo le mie giornate con il mio grande amore, Andrew. Insieme a lui avevo progettato di andare al college in autunno, scappare da Madison City.
Ma...
Improvvisamente nella mia vita è arrivato Eros, un ragazzo dagli occhi di tenebra, misterioso, elegante, fuori dal comune.
Mi ha stravolto la vita!
Devo decidere cosa voglio veramente.
Dentro di me ho una guerra, come quella che si sta scatenando nell'oscurità di Madison City...

Una guerra tra streghe e vampiri.
Una vendetta che si cela nell'ombra.
E io... devo essere pronta!

Estratti:
* "Era un maledettissimo vampiro che giocava con il mio cuore."

* "Il tuo sangue è prezioso, Alice. Sei una strega. Qualsiasi vampiro vorrebbe arrivare al tuo cuore stregato e addentarlo."

* "Ti ho evocato nei miei sogni, guidami nel sentiero di luce."

* "La mia anima pura era stata toccata dalla sua, dannata per l'eternità."

* "Come avevo potuto illudermi, che un vampiro centenario, potesse innamorarsi di me?
Era chiaro che aveva altre intenzioni. Voleva cibarsi del mio sangue, intrappolarmi in un'ampolla di immortalità, per far crescere la sua famiglia di vampiri."

*"E ora? Lui tornava, per riportarmi nel suo oblio, dentro le sue ombre."

* "Cosa siamo noi senza ricordi? Non siamo niente. Ombre nere che vagano nella notte."

* "Non è vero che i vampiri sono esseri senza cuore. Chi cerca di convincervi di questo, è solo un gran bugiardo.
Non è vero che i vampiri sono incapaci di provare altre emozioni oltre al desiderio di bere sangue o alla voglia di uccidere.
Sono menzione!
Pure menzogne...
Io sono un vampiro e posso affermare che provo tutte le emozioni del mondo, alcune anche più forti di quando ero umana."

Booktrailer: https://www.youtube.com/watch?v=NiSD7hhFWBE

Link autrice:
Instagram: https://www.instagram.com/valeriadelucaut/
Facebook: https://www.facebook.com/valeriadelucaautrice/
Pagina Autore Amazon: https://www.amazon.it/Valeria-De-Luca/e/B01NAR4MGX  (Potete trovare anche i volumi singoli della trilogia)

                                                                        

SEGNALAZIONE USCITA: "Estasi eterna" di Saránd Altancia

Titolo: Estasi eterna
Autore: Saránd Altancia
Editore: ode edizioni
Genere: racconti erotici
Pov: 1 persona
Prezzo ebook: € 2.99
Prezzo cartaceo: € 12.99
Data pubblicazione: 16 giugno
Pagine: 130
Serie: no
Autoconclusivo:

Sinossi: 
Cassie ha avuto il coraggio di negarsi a chi non avrebbe mai accettato un rifiuto, pagandone il prezzo.
Laerthia ha fatto suo il motto che "sia meglio essere temuti piuttosto che amati", incurante della solitudine infinita alla quale l'avrebbe portata.
Denise ha sempre saputo che sarebbe arrivata dove nessuno, uomo o donna, sarebbe mai riuscito.
Tre donne.
Tre storie.
Tre viaggi erotici diversi.

Estratto: 
 
“Cantami, o diva, del pelìde Achille l’ira funesta…”
Certo. È sempre l’ira degli uomini a esser ricordata, come se la storia fosse un fiume costretto a scorrere esclusivamente in solchi tracciati da mascolina follia.
Ma io so.
Io ricordo.
Ora ricordo.

Biografia: 
Spagnola di nascita (Algeciras, Andalucía), ma ormai italiana di adozione per aver vissuto più di metà della sua vita nel Bel Paese, Saránd Altancia ha lavorato sempre a contatto coi libri, vero amore della sua vita. Dopo la raccolta di racconti Sette petali di piacere (Narcissus, 2014, Eros Cultura, 2018) Estasi Eterna è il suo secondo libro.

martedì 15 giugno 2021

REVIEW PARTY: "Biografia di un Vampiro – La metamorfosi" di Dana Porter


Titolo: Biografia di un Vampiro – La metamorfosi
Autrice: Dana Porter
Genere: urban fantasy/romanzo gotico
Casa editrice: Self publishing (Amazon KDP)
Collana: A vampire’s life
Volume: secondo di una trilogia
Pagine: 190
Data pubblicazione: 30 maggio 2021
Link Goodreads: Biografia di un Vampiro (La metamorfosi, #2) by Dana Porter | Goodreads
Formati: ebook (€2,99 – disponibile con Kindle Unlimited)
cartaceo (€13,00 circa)

Quarta di copertina:
Siamo nel 1860 quando Cedric Howard, un ragazzo di appena ventun anni, si trova ad affrontare la morte della ragazza che ama più di se stesso. La perdita di Margaret Lewis lo scuote nel profondo, tanto da fargli desiderare la morte, che potrebbe anche ottenere, solo in un modo diverso da come viene comunemente intesa.
In questo nuovo capitolo di Biografia di un Vampiro, Cedric si trova ancora in compagnia di Edward Parker, gli racconta ancora la sua vita passata. Gli racconta della sua trasformazione e di quello che ha comportato, di come è passato dall’essere un ragazzo giovane e innamorato a essere uno spietato vampiro. Dal canto suo, Edward è preoccupato per il proprio avvenire, che diventa sempre più incerto man mano che i mesi scorrono.
Riuscirà Edward a mantenere la sua umanità oppure la perderà insieme alla propria vita? Come riuscirà Cedric a superare la morte di Margaret? E, cosa ancor più importante, ci svelerà il nome del suo nuovo amore o lo lascerà sepolto nel suo animo immortale per l’eternità?

Incipit:
Il mio cuore batteva ancora. Appena.
Un battito: vidi il viso di mia madre.
Un altro battito: la sentii accarezzare il mio viso da fanciullo,
Avvertii il suo tocco morbido e caldo.
Un altro battito: vidi i volti dei miei fratelli.
Un altro battito: sentii il sapore delle labbra calde di Margaret.
Un altro battito: l’oscurità…

Estratto in copertina:
“Come avrei potuto vivere con il pensiero di un'eternità da trascorrere senza la mia amata accanto? Come avrebbe potuto l'eternità stessa essere ancora allettante ai miei occhi?”

Biografia autrice:
Dana Porter, appassionata lettrice sin da bambina, ha sempre trovato conforto nella scrittura. Proviene da una famiglia non semplice, ma quando tutto attorno a sé crollava, lei sapeva che il suo amico più fidato era sempre lì ad aspettarla: il libro. A dieci anni vantava già una libreria zeppa di volumi dai generi più disparati, che leggeva e rileggeva in continuazione; fuggiva dal mondo trovando conforto soltanto tra copertine colorate e pagine piene d’inchiostro. Inchiostro che lei stessa usava per riempire decine e decine di pagine di quaderni, scriveva di sé e scriveva per sé. Poi la vita l’ha portata distante, l’ha portata ad abbandonare per un po’ il mondo della letteratura, che avrebbe ripreso a frequentare molti anni più tardi, affamata come non lo era mai stata di lettura. Per puro caso, a quasi ventisette anni, si è imbattuta in un libro che le ha fatto tornare la voglia di scrivere, lo fa ancora per se stessa, ma per la prima volta decide di raccontare una storia diversa dalla propria e scopre che le piace, scopre che far vivere dei personaggi, creare i loro caratteri, dare loro voce le dà ancor più soddisfazione che leggere di personaggi creati da altri.

Contatti autrice:
Instagram: https://www.instagram.com/danaporterauthor/
Facebook: https://www.facebook.com/danaporterauthor
E-mail: danaporterauthor@gmail.com
 
RECENSIONE:
Buon pomeriggio lettrici!!! Oggi la nostra Gabriela ci accompagna alla scoperta del secondo volume della serie “Biografia di un vampiro - La metamorfosi” dell’autrice Dana Porter. Andiamo a scoprirlo.

Ed eccomi arrivata alla fine del secondo volume di questa particolare, fantastica, trilogia fantasy. 

La storia di Cedric continua, facendomi conoscere un vampiro crudele, a volte senza cuore, ma poi quando cerca di lasciare che i sentimenti circondino la sua “anima”, ecco che diventa un Cedric pieno di rimorsi, per tutte quelle uccisioni, ma più che altro conosciamo un Cedric in cui il dolore e l’amore si fondono come il vetro. 

Edward non fa altro che scrivere la storia di questo vampiro, dimostrando ancora una volta di non aver timore di questo crudele “mostro” o “demone”, come Cedric si considera e si definisce. 

L’amicizia tra il suo creatore e la sua consorte subisce dei cambiamenti, non in meglio, ma il tempo come sempre ricuce i rapporti, riportando Cedric indietro, sui suoi passi, a quelli che per lui sono l’unica famiglia che gli è rimasta. 

Tantisegreti vengono svelati, ma quello che Cedric confessa, alla fine di questo volume, mi ha dato la conferma alle mie prime impressioni, quelle che ho avuto leggendo il primo volume: “L’amore”

Chiaramente non posso svelarvi di cosa si tratta, ma sicuramente per chi come me ha letto il primo libro, avrà sentito, pensato, quello di cui io ho avuto la conferma alla fine di questo. 

A volte, ho sofferto insieme a questo personaggio così solitario, perché, anche se la sua “sete” veniva prima di tutto, ho capito quanto questo non gli provocava più il piacere che sentiva all’inizio. 

Scoprire quello che ha fatto il consiglio lo distrugge e cosi si ritrova a ritornare il sanguinario che era prima. 

«D’improvviso mi sentivo come se fossi diventato un involucro pensante, null’altro. In fondo, un corpo senza un cuore pulsante, senza un briciolo di umanità e senza emozioni cos’è? Cosa rimane una volta tolto tutto ciò?»
 
Per lui è stato davvero troppo, come un “alcoolista” cede di nuovo alla tentazione di bere, così anche lui cede al demonio, quello che cercava di non essere più. 

Chissà cosa accadrà nel terzo volume? Avrà il coraggio di affrontare quello che sente? Cosa riceverà? Cosa accadrà se non verrà ricambiato? 

Ringrazio l’autrice per la copia e-book ricevuta, e non mi rimane altro che rimanere in un’ impaziente attesa, per leggere il terzo volume “La rinascita”. 

Romanzo promosso, 4/5 stelle

                                                                     

SEGNALAZIONE USCITA: "Peccato - Sins of Saint vol.2" di Bella J.

Titolo: Peccato
Autrice: Bella J.
Serie: Sins of Saint #2
Collana: Heartbeat Edizioni
Genere: Mafia romance
Pagine: 180
Cartaceo: 11.00€ Ebook: 2.99€ (o Gratis con Kindle Unlimited)
Finale: Cliffhanger
Data di pubblicazione: 15 Giugno 2021

Trama:

Mila

Segreti. Bugie. Inganni.
È tutto parte del suo piano di vendetta. Mi ha presa e usata come se fossi una sua pedina, forzandomi in un matrimonio che non volevo. Ma non ho avuto scelta e adesso gli appartengo, corpo, mente e anima.
Questo è il motivo per cui sono scappata. Sono dovuta fuggire dal mostro e dal suo tocco. Dovevo liberarmi dall’uomo che mi ha sedotta, la bestia che mi ha dato un assaggio dell’oscurità che l’avvolge.
E adesso la voglio. Ne ho bisogno. E ho bisogno di lui.
Sarò sua per tutto il tempo che vorrà… finché non mi spezzerà.

Saint

Coraggiosa. Seducente. Letale.
Mila non doveva essere altro che una proprietà, un bellissimo segreto, una moglie senza voce in capitolo. Invece, è diventata una dipendenza, una complicazione che potrebbe costarmi tutto, un prezzo che non credevo di essere disposto a pagare. Finché non è fuggita via da me.
Adesso, la partita è cambiata e la posta in gioco è molto più alta. Pensa di aver visto il peggio di me, è convinta che non possa essere più feroce e crudele di così. Ma voglio dimostrarle che si sbaglia.
Voglio la mia rivincita… e mia moglie.
 
Sins of Saint trilogy:
#1 Vendetta (15 Maggio)
#2 Peccato (15 Giugno)
#3 Redenzione (15 Luglio)

L’autrice:
Direttamente da Cape Town, in Sudafrica, Bella J vive aspettando il giorno in cui potrà ritirarsi nella sua tana a scrivere per sempre, dove potrà perdersi nel suo piccolo mondo di romanticismo, amore, e ragazzacci tremendamente sexy.
Bella J è un’autrice ibrida, avendo pubblicato sia in self, sia con case editrici. Anche se le sue novelle spaziano dalla tragedia, alla commedia, alla suspense, è l’aspetto oscuro e contorto del romance che ama maggiormente.
 

SEGNALAZIONE USCITA: "Un wekeend (quasi) perfetto" di Rujada Atzori & Antonella Maggio

TITOLO: Un wekeend (quasi) perfetto
AUTORE: Rujada Atzori & Antonella Maggio
EDITORE: Self Publishing
GENERE: Commedia romantica
PREZZO EBOOK: 2,99 prezzo pieno, in offerta a 1,99 per la prima settimana
PREZZO CARTACEO: 9.90
 
DATA DI PUBBLICAZIONE: 15 giugno 2021
 
TRAMA
Chi trova un amico trova un tesoro. E chi, invece, trova un nemico?
Elisa e Camilla non sanno assolutamente nulla l’una dell’altra, in comune hanno la semplice sfortuna di non aver mai trovato una migliore amica degna di essere chiamata tale. La prima è innamorata di Alex, l’ha già perso una volta e non ha alcuna intenzione di rinunciare di nuovo a lui. La seconda è già scappata una volta dall’altare, mandando all’aria il suo matrimonio, e ora solo il suo compagno chef è in grado di tenere a bada i suoi colpi di testa.
Ma se il biglietto vincente di una lotteria che, come primo premio, prevede un folle weekend ad Amsterdam, finisse nelle mani di entrambe e nessuna delle due fosse disposta a rinunciarvi?
 Le opzioni sono due: sabotarsi a vicenda fino ad avere un solo vincitore oppure scendere a compromessi e sperare di non finire nei guai. 

lunedì 14 giugno 2021

RECENSIONE: "Agente del caos" di Alexandra Art Club

TITOLO: Agente del caos
AUTORE: Alexandra Art Club 
EDITORE: Self publishing 
SERIE: Autoconclusivo
GENERE: Paranormal Dark Gothic Romance
DATA D’USCITA: 22 MAGGIO 2021
PRE ORDER: 16 MAGGIO 2021 su Amazon


TRAMA

Quanto sei disposto a tollerare per amore? Saresti in grado di circoscrivere i tuoi limiti?


Benvenuti alla clinica Handerson, specializzata in psichiatria, psicoterapia e psicosomatica.
Al suo interno si sono visti pazienti di ogni genere: menti alienate, straziate dal peso della vita, disturbi, patologie e paure di ogni sorta.
Nessuno, tuttavia, era mai stato lontanamente paragonabile all’internato 242. Ingegnoso, manipolatore, bugiardo, egoista.
Ajay Cooper godeva della sottomissione altrui e non voleva bene a nessuno, eccetto che a se stesso. Molti lo definirono un pazzo psicotico e lui fu talmente bravo da trasformare la sua follia in un’arma letale.

Esmeralda Ghale era una persona onesta, buona, incorruttibile… o almeno quelli erano i finti valori in cui amava crogiolarsi. Forte dell’illusoria convinzione che quell’immagine distorta le forniva, riuscì ad ingannare se stessa fino a quando non accettò in cura il paziente 242.
Affascinata dalla sua personalità, dal mistero nascosto nei suoi occhi, si lasciò trascinare in un rapporto sadico, malato, di quello che attirava il male, nato in un luogo teatro di atroci tragedie.

Luce e Ombra. Caos e Ordine.
Erano un buco nero pronto a lasciare che l’uno inghiottisse l’altra. Una partita persa che valeva la pena giocare. 

RECENSIONE:
Questa non è una recensione convenzionale, non come lo sono di solito quelle programmate. Questa è una di quelle di pancia, e il romanzo che vi presento mi ha fatto capire che forse è ora di cambiare strada, chissà…

Ci sono giorni in cui le letture per il blog diventano un peso, quando hai una lista infinita di scadenze e tu vorresti solo leggere quello che ti pare. Allora cerchi qualcosa di diverso che ti dia la carica, che scardini tutti i cliché. 

Sono cresciuta, letteralmente, a base di romanzi horror, terrore e paura tra le pagine non mi hanno mai impressionato, King e Poe hanno sempre accompagnato i miei pomeriggi.

Quindi dopo tanti romance, quando mi serve qualcosa di forte, di crudo e allo stesso tempo coinvolgente, mi affido all’istinto, ad un passa parola, e perché no, anche ad una cover intrigante.

E così che sono approdata al romanzo “Agente del caos” dell’autrice, e strepitosa grafica, Alexandra Art Club. Dopo averne segnalato l’uscita per il blog, non potevo non leggerlo, ero troppo curiosa di scoprire cosa avrei trovato tra le pagine. Era forse il romanzo che mi serviva?

Siete curiose di scoprirlo? Anch’io. 
 
Pensate che ho letto il romanzo due volte di seguito. Perché? 

Perché faticavo a lasciarli andare.

Perché la prima volta l’ho divorato e la seconda l’ho analizzato.

Ma soprattutto perché è stato impossibile non farsi coinvolgere emotivamente dai personaggi.

All’inizio non sapevo cosa aspettarmi, poi dopo poche pagine ho capito la piega che avrebbe preso la storia e ne sono rimasta invischiata, attratta come una falena dalla fiamma. Impossibile posare il Kindle, finché non sono arrivata alla fine e non ho ricominciato da capo. 

Quante volte guardando un film ci sentiamo attratte dal cattivo della situazione? Dall’antagonista, dal personaggio negativo? Il cinema ne è pieno: ci affascina l’ignoto, la mente perversa… Così nei romanzi ci troviamo ad apprezzare il bad boy, quello problematico e con la personalità più contorta.

Qui, “l’agente del caos” è considerato uno psicopatico, un soggetto complesso qualcuno che merita di essere chiuso in una clinica psichiatrica. Ma siamo sicuri che i folli siano tutti dentro? 

Ajay Cooper è ritenuto instabile, è tormentato da qualcosa di indefinibile, e che dovrete scoprire leggendo il romanzo. Ma sprigiona un fascino ammaliante, a cui la dottoressa Esmeralda Ghale non riesce e forse non vuole resistere.

La nostra storia inizia nel 2018, esattamente il 20 ottobre. Perché lo specifico? Perché i questa storia le date sono davvero importanti, fateci attenzione. E l’alternarsi di presente, passato e di un passato molto lontano vi intrappoleranno in una storia quasi surreale, folle e al contempo unica. 

Se sulla carta la storia tra Esmeralda e Ajay, classificata come “forbidden” per il rapporto proibito medico/paziente, ma anche “Age gap” per la differenza di età tra i due personaggi, lui è più giovane, può sembrare un romanzo come tanti, è nell’ aggiunta della componente “paranormal dark” che l’autrice da il meglio di sé.

Il rapporto morboso che si crea tra la dottoressa e il giovane paziente, coinvolge il lettore, tanto che diventa morboso anche il nostro voler sapere, durante la lettura, fin dove si spingeranno, fin dove sarà follia e passione.

E l’aver inserito elementi tipici degli horror gotici, ovviamente ha fatto felice il lato macabro che è in me, li nascosto, ma che sta scalpitando per venire fuori.

Cos’altro aggiungere a questo punto? Che sono felice di aver scoperto l’autrice, che recupererò senza dubbio anche l’altro suo romanzo, e che di sicuro la tengo d’occhio.
 
Come avrete intuito ho apprezzato ogni singola parola di questa storia: punteggio pieno 5/5 stelle  super meritate.

                                                                       

REVIEW TOUR: "Easy Rosa – Miss T." di Maura R.

Titolo: Easy Rosa – Miss T.
Autore: Maura R.
Editore: Self Publishing
Genere: Contemporary Romance
Pagine: 300
Formato: ebook - cartaceo
Prezzo: 2,99€ (offerta lancio 0,99€) - 13,00€
Data di pubblicazione: giugno 2021

SINOSSI:
«Cam devo confessarti un segreto.» «Dimmi tutto.» Guardo la mia amica sospettosa, non mi piace il suo tono di voce. 
«Sai la mia autrice, quella che aveva il blocco dello scrittore? Potrei averla indotta a scrivere una storia raccontandole di te… di voi…»

Matías Ortega Reys, seducente imprenditore, approda nelle Grande Mela per ampliare la sua società; le sue giornate scorrono tutte uguali, precise e programmate fin nel minimo dettaglio.
Camilla Hill, pari a un tornado forza nove, entrerà a far parte della sua vita scompigliandola con la goffaggine che la caratterizza. La sua testardaggine e la lingua tagliente daranno il via a una serie di sfide e battibecchi.
Tra malintesi, situazioni imbarazzanti e un piccolo segreto, i due protagonisti faranno del loro meglio per ignorare l’attrazione che provano.  Camilla e Matías saranno in grado di superare gli ostacoli che si presenteranno lungo il loro percorso e trasformare la loro passione in una storia d'amore?  

«Tu cosa hai fatto?! Sai benissimo che non c'è nessuna storia… e poi quante possibilità ha una come me di stare con uno come lui? Tu sei fissata con le tue trame da easy rosa ma funziona nei libri, non nella vita…»
«Gli easy rosa, come li chiami tu, sono quel genere di storie che non passano mai di moda e l'imprevedibile accade.”
 
RECENSIONE:
Buon pomeriggio lettrici!!! Il blog mica si ferma, oggi siamo presenti più che mai con una nuova recensione. Abbiamo partecipato al review tour per la promozione del romanzo di Maura R. “Easy rosa – Miss T.”, organizzato dalle colleghe del blog Tre gatte tra i libri che ringrazio come sempre per averci coinvolto.

La storia di Matias e Camilla è divertente, ma allo stesso tempo fa riflettere, per tutto il bagaglio di esperienze fisiche ed emotive che i due protagonisti si portano dietro.

Lei è complicata, convive con la sindrome di Tourette, che lei scherzosamente chiama Miss T, e questo la rende insicura, in difficoltà a relazionarsi con gli altri soprattutto gli uomini; quando ha le sue crisi che la rendono sboccata come uno scaricatore di porto, la reazione di chi le sta intorno contribuisce a peggiorare la situazione.  

Matias Ortega, anche lui è un personaggio complesso, oltre che geniale: ha un quoziente intellettivo sopra la media, è un imprenditore brillante e capace, ma temuto dai suoi collaboratori. C’è qualcosa nel suo passato che nessuno conosce, anche lui ha i suoi demoni interiori, ombre che lo hanno reso l’uomo che è adesso.

Assieme si completano, smussano l’uno gli spigoli dell’altro: Matias diventa più umano, meno dispotico, anche se vuole avere sempre tutto sotto controllo; Camilla invece, quando è con lui, è controllata, sembra la sua Miss T se ne stia buona da qualche parte, senza metterla in imbarazzo…

A fianco dei due protagonisti, possiamo trovare alcuni personaggi secondari davvero interessanti, prima fra tutte Penelope la fidata amica di Camilla, quella che la sprona e che la mette in imbarazzo allo stesso tempo; poi Sebastian, il socio e amico di vecchia data di Matias e David, il fratello. 

Tenete d’occhio questi due, non si possono vedere, ma chissà che non ci sia della rivalità sotto, oppure una donna? Seguiteli…

Io mi fermo qui, per scoprire qualcosa di più su questo romanzo, non vi resta che leggerlo, magari in spiaggia oppure al fresco sdraiati in qualche prato di montagna, Matias e Camilla vi faranno compagnia per un paio d’ore.

Al di là della costruzione del testo, della narrazione a Pov alterno e in prima persona, quello che mi ha colpito molto di questo romanzo è stata la scelta dell’autrice di ambientarlo nel mondo degli eventi dedicati all’arte, il Messico come location per alcuni passaggi del libro e alcune tradizioni che sono sicura troverete interessanti anche voi… ma non posso svelarvi a cosa mi riferisco.

Tutto questo denota un gran lavoro di ricerca e di approfondimento, sicuramente più lungo e più accurato, rispetto ad ambientare la storia in luoghi che sono più familiari. 

Anche i due personaggi hanno un bello spessore, le tematiche che li riguardano, bullismo in primis, richiedono attenzione e tatto nel trattarli nel modo giusto e con il corretto inserimento nella narrazione.

Soprattutto il carattere spigoloso di Matias, che in alcuni passaggi risulta quasi antipatico a chi legge, è stato tratteggiato al meglio, viste le numerose emozioni che suscita.

Camilla si può solo amare, è una ragazza dolce, piena di vita, nonostante i limiti della sua malattia, è forte e vuole essere indipendente, arrivare per i suoi meriti e non per il suo nome o l’uomo che frequenta: insomma un bel personaggio.

A questo punto mi fermo sul serio. 
Il romanzo è promosso: 4,5/5 stelle ben meritate.